Aci Sant’Antonio, scoperto giro di spaccio e furti anche su San Giovanni la Punta e Pedara.

Il magazzino della droga di Aci Sant’Antonio serviva a rifornire la locale piazza di spaccio ma anche quelle di Pedara e San Giovanni La Punta. Grazie alle segnalazioni da parte dei cittadini, i carabinieri sono riusciti a individuare il punto di approvvigionamento del gruppo che imperava nella zona. Con l’operazione “A fossa” i militari hanno però fatto terra bruciata. Un lungo lavoro che ha portato a decifrare un linguaggio criptico per fissare gli appuntamenti con gli acquirenti. 18 le persone coinvolte di cui 11 finite in manette. Contestati, a vario titolo, i reati di spaccio e possesso di sostanze stupefacenti, furto aggravato, ricettazione e possesso illegali di armi. «Questa attività trae origine da una chiamata pervenuta sulla nostra utenza d’emergenza 112 – ha dichiarato il Comandante della stazione dei Carabinieri di Acireale Stefania Riscolo, all’interno della rassegna stampa su Radio Fantastica – da parte di alcuni cittadini. Questi segnalavano la presenza di un ingente quantitativo di sostanza stupefacente presso un domicilio nel Comune di Aci Sant’Antonio dove, infatti, abbiamo notato degli spostamenti e frequentazioni. Iniziamo un’attività di indagine per capire e riscontrare i fatti. Grazie al coordinamento della Procura di Catania abbiamo avviato diverse attività tecniche e di pedinamento che poi hanno permesso di ricostruire e scardinare questa rete di gestione di spaccio nei Comuni, oltre ad Aci Sant’Antonio, anche a San Giovanni La Punta e Pedara». Dalle indagini sono emersi pure i furti di carburante per finanziare l’acquisto iniziale di marijuana e cocaina. «I nostri indagati sia uomini che donne, tutti disoccupati, avevano un certo stile di vita agiato – continua – i sospetti erano forti e negli approfondimenti abbiamo riscontrato non solo lo stupefacente ma anche alla commissione di furti di gasolio da rivendere nel mercato nero». Il gruppo aveva ripartito i compiti in maniera puntuale. «Erano molte le donne coinvolte – conclude – al pari dei loro uomini. Si imponevano esattamente così come i loro compagni nella gestione nelle varie piazze di spaccio».

Per ascoltare l’intervista clicca qui:

2020-10-21T15:10:06+00:00 21 Ottobre 2020|